martedì 7 maggio 2013

per anni ho ritenuto la Dc un cancro affaristico -politico tutto italiano ,ero giovane missino ,neoilluminista, il fare politica legandosi alla religione ,mi dava la nausea...crescendo ho assistito al ridisegno della cartina geografica politica e fisica ; velocemente mi sono ritrovato nell'Italia post tangentopoli   e i valori della dx storica ,pian piano diluiti  nella nuova Dc, quale era la casa delle liberta'..questo mi ha fatto riconsiderare la Dc in maniera piu matura ed in particolare l'attenzione su Giulio Andreotti. gia prima della sua scomparsa avvenuta ieri avevo apprezzato il suo spirito battagliero ma senza sbavature ,senza dichiarazioni stile seconda repubblica.era un politico di razza .