venerdì 20 maggio 2016

Marco Pannella

...sono cresciuto in una famiglia di destra ,mia madre la piu a dx di tutti ,poi mio nonno Ettore l eroe dei Biagioli lui che tra leva e guerra è stato 8 anni in divisa parte dei quali nella MSVN .mia madre ordine e rigore ,mio nonno le storie romantiche della sua croce di ferro,fu cosi che mi sono naturalmente orientato a dx politicamente iniziando con l ascolto dei comizi di Almirante e la lettura del Secolo d Italia ,poi il primo capitolo della saga di De Felice (Mussolini il Rivoluzionario).arrivo Fini con la sua dialettica e fu naturale frequentare il FdG ,in tutta questa dx pero mancava la parte piu naturalistica del mio carattere quella di deriva paterna ,quella che mi permetteva di andare oltre lo squadrismo  era tempo delle tv locali il Partito Radicale apri Teleroma 56 ,una versione tv di Radio Radicale era li che seguivo Pannella pur non condividendo quasi tutto del suo essere non alllineato,pero le visioni aperte quelle del rispetto dell ambiente del processo giusto ,il Nessuno Tocchi Caino..a Pannela e ai radicali devo la visione sociale della politica .per questo sono dispiaciuto se ne sia andato