venerdì 5 luglio 2013

europa

lavorare nelle periferie a volte se parliamo di politica è piu stimolante del centro.capita di incontrare nelle botteghe alimentari o al bar persone comuni  che sono in grado di rifilarti lezioni di politica reale;il sor Arturo anni 72 ministeriale in pensione ,mi ha fatto un discorso interessante:voi quando scendete in piazza lo fate per le cazzate ,noi scendevamo in piazza per il lavoro,per migliorare le condizioni sociali nostre e delle future generazioni...la conversazione è durata 20 minuti e si è chiusa con un :a voi non vi si incula nessuno,manifestate a vuoto (si riferiva ai no global e al g8 d genova) voi manifestate pe ste cazzate e l italia sta per fallire svejateve che ve se inculano de brutto( riporto testuale ).insomma secondo lui e la casseria dell alimentari di calpurnio pisone al tuscolano,che ha aggiunto ve rincoglionite pure  davanti ar compiuter; non abbiamo le palle per andare contro il sistema--ho portato a difesa della mia generazione ,la fine della politica ideologica ,il mancato ricambio di icone politiche come erano i berliguer ,gli almirante o andreotti la caduta del muro la fine della guerra fredda..niente da fare sempre solista risposta: tutte cazzate.se le cose non vanno bisogna scendere in piazza e fare ,quello che cè da fare.come in egitto ,hai visto in egitto  in un anno due rivolzioni!!pure li brasiliani se so svegliati!insomma ha vinto il sor Arturo ai punti..pero le cose non mi tornavano ed allora ho iniziato ad ipotizzare lo scenario scendiamo in piazza e manifestiamo ci andiamo giu duro ,ci uniamo con i no tav e cazzo vedi che qualcosa otteniamo!..poi ho realizzato che gia in altre nazioni europee hanno manifestato ,spagna ,grecia ,turchia ..in spagna gli indignatos non sono riusciti a smuovere nulla ..perchè?in fondo a volte basta una nazione poi il fuoco rivoluzionario si propaga.allora ho pensato che sono le sedi sbagliate ;noi non vogliamo un europa a due velocita,noi non vogliamo un europa con i conti a posto e i  popoli affamati!!gia  ma allora se è l'europa che ci torchia perchè manifestiamo nelle piazze delle capitali europee?che si è mai vista una manifestazione sindacale nel posto dove cè il problema?se si contesta in grande stile riecheggia la frase:e stavolta andiamo a roma a fare casino!!e cosi va arrivano  bloccano roma e la  protesta assumendo importanza nazionale viene conosciuta da tutti .tantè che subito dopo il ministro di turno apre il tavolo delle trattative sulla questione..quindi a mio avviso se vogliamo farci sentire ci si deve indignare a strasburgo! pulmanate di persone incazzate che manifestato per giorni li dove cè la nuova tirannia,a quel punto la commissione europera dovra darsi una regolata perchè se porti due milioni a strasburgo e altri milioni in contemporanea nelle capitali storiche è un gran segnale di cittadini incazzati